Innovation manager: scocca l’ora della domanda.

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
30/10/2019
|

Dal 7 novembre 2019 le imprese e le reti d’impresa potranno avviare la compilazione della domanda per la richiesta del Voucher per l’Innovation manager a favore delle PMI e delle reti per l’acquisito di consulenze specialistiche in materia di processi di trasformazione tecnologica e digitale, nonché di ammodernamento degli assetti gestionali e organizzativi dell’impresa, compreso l’accesso ai mercati finanziari e dei capitali. L’istanza per l’agevolazione va presentata unicamente per via telematica, attraverso la sezione “Voucher per consulenza in innovazione” del sito del Ministero.

La consulenza deve essere finalizzata a indirizzare e supportare i processi di innovazione, trasformazione tecnologica e digitale delle imprese e delle reti attraverso l’applicazione di una o più delle tecnologie abilitanti previste dal Piano nazionale impresa 4.0 individuate tra le seguenti:

  1. big data e analisi dei dati;
  2. cloud, fog e quantum computing;
  3. cyber security;
  4. integrazione delle tecnologie della Next Production Revolution (NPR) nei processi aziendali, anche e con particolare riguardo alle produzioni di natura tradizionale;
  5. simulazione e sistemi cyber-fisici;
  6. prototipazione rapida;
  7. sistemi di visualizzazione, realtà virtuale (RV) e realtà aumentata (RA);
  8. robotica avanzata e collaborativa;
  9. interfaccia uomo-macchina;
  10. manifattura additiva e stampa tridimensionale;
  11. internet delle cose e delle macchine;
  12. integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali;
  13. programmi di digital marketing, quali processi trasformativi e abilitanti per l’innovazione di tutti i processi di valorizzazione di marchi e segni distintivi (c.d. “branding”) e sviluppo commerciale verso mercati;
  14. programmi di open innovation.

A partire dalle ore 10.00 del 31 ottobre 2019 inizierà la fase verifica preliminare del possesso dei requisiti di accesso alla procedura informatica.

La compilazione della domanda per accedere all’agevolazione potrà avvenire dalle ore 10.00 del 7 novembre 2019 e fino alle ore 17.00 del 26 novembre 2019. Pertanto, a partire da tale giorno, il soggetto proponente può:

– accedere alla procedura informatica;

– immettere le informazioni e i dati richiesti per la compilazione dell’istanza e caricare dei relativi allegati;

– generare il modulo di domanda sotto forma di “pdf” immodificabile, contenente le informazioni e i dati forniti dal soggetto proponente e apporre la firma digitale;

– caricare la domanda firmata digitalmente con il conseguente rilascio del “codice di predisposizione domanda” necessario per l’invio della stessa.

Invece, a partire dalle ore 10.00 del 3 dicembre 2019 parte l’invio vero e proprio delle domande la cui ammissione avviene sulla base dell’ordine di arrivo. In tale fase il soggetto proponente accede alla procedura informatica e, ai fini del formale invio della domanda di agevolazione, deve immettere il codice identificativo dell’istanza e il “codice di predisposizione della domanda”. Al termine di questa fase verrà rilasciata un’attestazione di avvenuta presentazione dell’istanza da parte della procedura informatica.

La chiusura dello sportello per la presentazione delle domande sarà disposta con provvedimento del Direttore generale per gli incentivi alle imprese e comunicata nel sito internet del Ministero e nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Per le domande in relazione alle quali le verifiche si concludono con esito positivo, il Ministero procede, entro 90 giorni dal termine di chiusura dello sportello per la presentazione delle domande, ad adottare un provvedimento cumulativo di concessione delle agevolazioni con decreto del Direttore generale per gli incentivi alle imprese, da pubblicare sul sito web del Ministero. Il titolo di spesa a saldo relativamente alle prestazioni previste nel contratto di consulenza deve essere emesso non oltre 30 giorni dalla data di conclusione delle attività, come individuata nel medesimo contratto.

Il contributo spetta per i periodi d’imposta 2019 e 2020, con limite di ammissibilità di una sola domanda di contributo per ciascuna impresa o rete di imprese lungo tutta la durata dell’agevolazione, in misura variabile in funzione della dimensione d’impresa:

Dimensione % del contributo Limite costo Limite voucher

Micro e piccola impresa 50% euro 80.000 euro 40.000

Media impresa 30% euro 83.333,33 euro 25.000

Reti d’impresa 50% euro 160.000 euro 80.000

L’erogazione delle agevolazioni avviene in due quote, secondo lo stato di avanzamento delle attività oggetto del contratto di consulenza specialistica e il pagamento delle relative spese.

Il soggetto beneficiario può richiedere l’erogazione della prima quota, pari al 50% delle agevolazioni concesse, solo successivamente alla realizzazione di almeno il 25% delle attività previste dal contratto e al pagamento delle relative spese. L’erogazione del saldo può essere richiesta solo successivamente alla conclusione delle attività previste dal contratto e al pagamento delle relative spese, nonché deve intervenire entro 60 giorni dalla data di emissione del titolo di spesa a saldo.

Tenuto conto che le domande di agevolazione sono ammesse alla fase istruttoria sulla base dell’ordine cronologico di presentazione, lo studio sollecita una veloce valutazione della misura in oggetto e resta disponibile per chiarimenti ed eventuale istruttoria.